Tumblr Mouse Cursors
Dark Passenger.
Dark Passenger.
I'm just a girl in this strange and mad world.

X CLOSE
+
              Home    Write to me Facebook Ask.fm Twitter Instagram We Heart It Archive Theme
View Photoset
1.896 note
 /  Via: hayleyshair

sassykardashian:

IF YOU EVER GET IN A FIGHT WITH YOUR SIGNIFICANT OTHER JUST BREATHE IN THE HELIUM OUT OF A BALLOON AND HAVE AN ARGUMENT AND THE FIRST ONE TO LAUGH LOSES

fuckyeahhayleywilliams:

paramore-more-kristen:

Paramore - Ain’t It Fun (Studio Acapella - Vocals Only).

by.

Spectacular

View Photoset
4.382 note
 /  Via: arizonarobins
loceanoinunpaiodiocchiscuri:

💌
View Photoset
371 note
 /  Via: skinsrebellion
stayfr-sh:

Basilica San Marco, Venice
pal3—as-fuck:

pal3—as-fuck:

pal3—as-fuck:

ragnateledivene:

thebluesuicide:

pale-oblivion:

pal3—as-fuck:

come-le-nuvole:

Sei stupenda.

Grazie mille :)

dio, quant’è bella.

△⃒⃘

Occazzo wow è bellissima

Grazie <3
hqlines:

♡ Find all good posts here! ♡
Da quando l’ho conosciuta, mi sono ripromesso di farle una foto ogni giorno.
Inizialmente sembrava assolutamente un gesto da malato mentale, differente stalker o pazzo incompreso, ma, col tempo, non ha fatto altro che rivelarsi come un qualcosa di molto dolce;
i diciottenni sono tutti un po’ così, tremendamente e malamente innamorati.
Sono riuscito a coglierla in momenti in cui nessuno la guardava, momenti che nessuno considerava, che nessuno reputava importanti.
L’ho racchiusa nelle mie piccole fotografie mentre si aggiustava una ciocca di capelli, mentre si asciugava una lacrima, mentre apriva l’ombrello, mentre si gustava il panino della pausa pranzo, mentre raccoglieva il cellulare appena cadutole in mezzo a mille imprecazioni, mentre giocava con una foglia autunnale, mentre guardava il mare, mentre lasciava andare il suo sguardo in un chissacché.
Quando mi ha parlato per la prima volta, però, non sono riuscito a farle una foto. Credo di non rimpiangere nulla come rimpiango questa mancanza: non essere riuscito a fotografare il momento d’impatto, il momento in cui il proiettile viene sparato, quando senti il ”Bang” e poi chi riesce più a fermarlo, quel colpo.
Ho visto il mio amore invecchiare tra le mie mille foto, perché, altrimenti, non sarei stato capace di ricordare.
Non credo che tutti sarebbero in grado di comprendere in maniera esatta che cosa significhi non poter ricordare gli occhi della persona che ami nel momento in cui ti guarda per la prima volta.
Per fortuna esistono le foto.
Per fortuna esistono i block-notes.
Ne ho uno appeso di fronte alla mia scrivania, in modo da poterlo vedere sempre. Altrimenti, mi dimenticherei anche della sua esistenza.
Quel foglietto racconta dell’episodio più significativo della mia vita; non avevo con me neanche la mia macchina fotografica. O, almeno, questo è ciò che vi trovo scritto. Chissà poi se è vero. Si dice anche che quel giorno mi inchinai, con una scatolina marrone tra le mani, gli occhi accesi di gioia e speranza come un faro in mezzo alla notte e un sorriso innamorato. Quel giorno, le chiesi di sposarmi. Il finale non ho bisogno di leggerlo: è l’unico ricordo vivido che ho.
”Ti consegnai tutte le fotografie, e tu mi dicesti di sì. Non è così?”
Mi giro verso Alice, che non fa altro che dire:
”Come avrei potuto dirti di no? Mi hai regalato i frammenti della mia vita che pensavo aver perso per sempre.”
Poi mi sorride.
Nonostante tutto, l’Alzheimer non mi impedisce di ricordare quanto vivo mi faccia sentire il suo sorriso.
- ©linearetta (via linearetta)